Skip to main content

Con due nuovi contratti per lo sviluppo di 14 location food&beverage complessive, HMSHost si espande in Cina entrando negli aeroporti internazionali di Shanghai-Pudong e Pechino-Daxing. Secondo gli accordi, oltre l’85% dei nuovi punti vendita dovrà essere pienamente operativo prima della prossima Festa Nazionale della Repubblica Cinese che si celebrerà il 1° ottobre 2019.

HMSHost, dal 1999 controllata di Autogrill, gestisce brand internazionali e concept proprietari in oltre 120 aeroporti a livello mondiale. Attraverso la divisione HMSHost
International, la società gestisce punti vendita food&Beverage presso 42 aeroporti e 21 stazioni ferroviarie in Europa, Medio Oriente, Asia e Pacifico (tra cui 10 location già gestite presso l’aeroporto internazionale di Pechino-Capitale).

A Shanghai con i concept “chinese western”

Con i suoi 74 milioni di passeggeri all’anno, l’aeroporto internazionale di Shanghai-Pudong è il secondo scalo più trafficato della Cina, il quinto in Asia e il nono a livello mondiale. Qui HMSHost International svilupperà 8 location offrendo a una platea di passeggeri in crescita un mix di brand locali, regionali e globali. In particolare, grande spazio sarà dato ai concept prettamente “chinese western” (ossia, forme cinesi con influenze occidentali) come Element Fresh (ideale per chi ama le insalate gourmet e i prodotti freschi) e due ristoranti Tasty Congee. Più tradizionale l’offerta di colazione, pranzo e cena che caratterizzerà i punti vendita The Dining Room e Tarhar Silk Road. A completare il ventaglio della proposta food&beverage asiatica ci saranno Bon, Menyamusashi e Unagi Joy House. La durata del contratto è di 5 anni per un fatturato stimato di 50 milioni di euro.

I primi rendering degli store dell’aeroporto Shanghai-Pudong

Pechino-Daxing, spazio alle contaminazioni occidentali

In attesa della fine dei lavori di costruzione (30 settembre 2019), l’aeroporto internazionale di Pechino-Daxing si prepara a diventare il terminal più grande al mondo e accogliere, nel lungo periodo, 130 milioni di passeggeri all’anno. Dal punto di vista della proposta food&beverage, lo scalo potrà contare su 9 punti vendita gestiti da HMSHost International. A vincere il bando (4 anni di contratto e un fatturato stimato di 15 milioni di euro) sono stati: Element Fresh, Shu Xing Pang (pasticceria con specializzazione in torte), The Dining Room, Crystal Jade (brand di cucina stellata con base a Singapore e menu tradizionale: dal wok alla carne arrostita, passando per i dim-sum). A completare l’offerta, inoltre, ci sarà il brand proprietario di HMSHost, Urban Food Market affiancato a Godiva Café; due tocchi occidentali nel cuore della Cina.

I primi rendering degli store dell’aeroporto Pechino-Daxing

Riproduzione riservata © retail&food